La nostra lista

Alle soglie della presentazione ufficiale delle liste, nel giorno spensierato della pasquetta, in barba alle preoccupazioni di chi le liste le sta componendo solo ora, trovo il tempo e soddisfo la voglia di parlarvi un po di noi, di chi siamo ,e di chi vorremo essere per questa nostra città di Amantea.

Per farlo riparto dalle parole che qualche giorno fa a Scalea pronunciai davanti a Nicola Morra, nostro portavoce in Senato, quando eravamo ancora in attesa di certificazione, quando gli dissi che avevamo composto una lista , che eravamo cittadini , semplicemente cittadini. Ed è questo quello che siamo: persone che provenendo ognuna da una propria storia personale, ognuna con un proprio background di esperienze di vita  e di impegno sociale, ognuna con il proprio carattere e con il proprio bagaglio di pregi e difetti, ognuna con la propria splendida diversità ci siamo ritrovati intorno allo stesso ideale, alla stessa forte entusiasmante volontà di cambiare il nostro paese, questa Italia martoriata e violentata, vilipesa e tradita da chi ha giurato davanti alla Costituzione.”La via è tracciata” e noi vogliamo essere parte di questo cambiamento. Partendo da Amantea.

Siamo tutti neofiti della politica , osservatori spesso disincantati, convinti di dover stare lontano , ben lontano da un mondo che appariva pericolosamente fondato sugli accordi di potere. Ci siamo ritrovati senza saperlo , senza preventivarlo e il disincanto è diventata motivazione , la lontananza ha ceduto il posto al senso di responsabilità, alla consapevolezza che ognuno deve dare il proprio contributo, ognuno deve fare la propria parte per consegnare ai nostri figli un’Italia che sia migliore. Siamo artigiani, professionisti, impiegati, disoccupati, mamme e papà. Non importa chi siamo, che cosa facciamo, quale credo religioso abbiamo o chi abbiamo votato prima. Importano i valori e le motivazioni intorno ai quali abbiamo fatto gruppo, importa la volontà di portare il nostro impegno nella gestione della cosa pubblica. La cosa più bella per me è osservare i giovani , i tanti giovani che sono stati e sono parte di questo processo,senza essere figli di o portati da, ma solo mossi da un impulso che sentono dentro, spinti dalla voglia di avvicinarsi, di ascoltare, di dire la loro, di prendere parte al cambiamento; questo mi emoziona profondamente mi dona la gioia di andare avanti, mi suggerisce che siamo sulla strada giusta, perché l’obiettivo che ci anima non è quello del carrierismo o del personalismo, ma quello di coltivare un’idea , un progetto, l’ideale di concepire la politica come un dono di sé, un contributo per tutti, un servizio alla Comunità. Un ideale che si deve radicare nell’animo dei giovani e che dovrà camminare sulle gambe di altri, non sulle nostre. Mentre noi saremo fieri di esseri stati lo strumento per Amantea, ecco cosa vogliamo essere lo strumento per il cambiamento di questa città, perché possa ritornare ad essere il paesaggio che era ed acquisire sempre più valore, perché possa ritornare a vivere di turismo e di commercio, perché diventi una comunità in cui nessuno rimanga indietro. Non saremo perfetti, non riusciremo a fare tutto e subito, ma abbiamo un’ambizione e la porteremo fino in fondo: di questo cambiamento vogliamo essere lo strumento. Noi, con la nostra lista.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *