Nesci e Menichino (M5S) intervengono sulla tenenza della Guardia di Finanza, interrogazione al governo

«È inaccettabile che in una terra a forte rischio ‘ndrangheta come Amantea (Cosenza) si sia deciso di chiudere la tenenza della Guardia di Finanza per meri calcoli ragionieristici e per un risparmio di soltanto 20 mila euro all’anno». È quanto dichiarano la deputata M5s Dalila Nesci e la consigliera comunale M5s Francesca Menichino, secondo le quali «lascia senza parole la decisione di togliere il presidio di legalità ad Amantea, città dove operano diverse organizzazioni criminali e dove, peraltro, tutti i diversi episodi criminali occorsi nell’ultimo periodo richiederebbero non una rinuncia ad un presidio di legalità, ma al contrario un innalzamento del livello di controllo e di sicurezza».

Nesci, che a riguardo ha presentato un’interrogazione parlamentare rivolta ai ministri dell’Interno e dell’Economia, ha chiesto al Governo «quali urgenti provvedimenti vogliano intraprendere per evitare la chiusura della tenenza della Guardia di Finanza in un territorio in cui è necessario garantire la presenza dello Stato». Una soluzione è stata prospettata dalla stessa Menichino che nei giorni scorsi ha inviato una lettera all’Agenzia dei Beni Confiscati, «per verificare se uno degli immobili confiscati alla criminalità organizzata possa ospitare la Tenenza della Guardia di Finanza».

Nesci e Menichino concludono: «Bisogna necessariamente trovare una soluzione per evitare la chiusura del presidio. La ‘ndrangheta non aspetta altro per brindare ai nuovi affari con i colletti bianchi e per inserirsi nelle attività, negli appalti e nelle aziende con l’obiettivo di ripulire il denaro proveniente da attività illecite. Se vogliamo che sia lo Stato a vincere sull’antistato, bisogna trovare una soluzione comune. Dinanzi al pericolo ‘ndrangheta, non può esserci in uno Stato civile la priorità del calcolo ragionieristico».

nesci

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , | 1 Comment

AMANTEA BRUCIA. NON CI FACCIAMO INTIDIMIRE. Invito del M5s alla partecipazione al Consiglio Comunale

La notizia ieri si diffonde veloce: un altro atto intimidatorio, si dice, questa volta ad un mezzo di lavoro.

Intorno alle 16 arriviamo sul posto, ed è davvero brutta la scena che vediamo in Via Neto, dove erano iniziati i lavori di allargamento appaltati dal Comune. L’allargamento di Via Neto- Via Po è uno dei 4 lavori previsti nell’ambito della devoluzione del mutuo destinato al lungomare. E’ il primo che viene appaltato. L’importo a base d’asta è 440.000 euro per il primo lotto funzionale, in tutto 750.000 euro.

Sul posto c’è qualcuno che è venuto a vedere, qualcuno che abita in zona, passanti.
Qualcuno racconta la puzza, il fumo e gli scoppi in piena notte, intorno alle 3 e mezzo.

Difficile pensare che sia casuale, come pure qualcuno ha ipotizzato.

E pensare che ci possiamo trovare di fronte all’ennesimo atto di violenza, di intimidazione, di minaccia all’ordine pubblico è destabilizzante per tutti.

Qualcuno passa e dice: “chissa è la ‘Mantia”, con un senso di rassegnazione…, dopo ordigni, auto incendiate, atti intimidatori che si susseguono con un ritmo che da inizio anno è diventato impressionante.

Il cantiere era stato appena consegnato alla ditta lametina Eurostrade s.r.l. che su 169 partecipanti si è aggiudicata l’appalto. E che poi, per quello che ci è dato sapere, ha subappaltato ad altra ditta lametina.
Solo 3 giorni di lavori, che oggi sono stati sospesi.
Questo succede ad Amantea, mentre proprio in questi giorni si discute della imminente chiusura della Tenenza delle Guardia di Finanza, prevista per il primo agosto. E dopo che il Sindaco, autorità di pubblica sicurezza, in risposta a nostra specifica domanda, ci aveva rassicurati circa la presenza delle forze dell’ordine sul nostro territorio.

E pare che le rassicurazioni fossero venute dal prefetto, a cui il sindaco ha detto di avere scritto per riceverne risposta scritta.

Ma allora il prefetto non sapeva dell’imminente chiusura della tenenza della Guardia di Finanza di cui si sa ufficiosamente da molto tempo?

Dopo questo ulteriore episodio è inevitabile la preoccupazione, ma occorre reagire e reagire con ancora più forza.

Istituzioni e cittadini insieme.

Al Consiglio Comunale ognuno faccia la propria parte, compresi i cittadini che devono sostituire la rassegnazione con la partecipazione e il coraggio di volere una società migliore.


Noi vi invitiamo a partecipare e vi aspettiamo mercoledì 18 maggio alle ore 16 in Consiglio comunale, dove daremo voce alle vostre preoccupazioni, e daremo il nostro apporto perché il Consiglio unito trovi il percorso che possa costruire legalità e sicurezza ad Amantea.

 

Via Neto Via Neto1

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

CHIUSURA TENENZA GUARDIA DI FINANZA: M5s, LA SICUREZZA E’ UNA PRIORITA’ E OCCORRE ESSERE UNITI PER DIFENDERLA E GARANTIRLA

In apertura di Consiglio Comunale, il 30 aprile scorso, abbiamo chiesto al Sindaco di relazionarci sulla situazione dell’ordine pubblico. Ad Amantea negli ultimi mesi si sono susseguiti diversi atti di violenza criminale, tra esplosioni di ordigni, auto incendiate e atti intimidatori.

E il Sindaco, che è responsabile dell’ordine pubblico, non ha avvertito la necessità di parlare alla cittadinanza, di comunicare le azioni eventualmente intraprese. In Consiglio, pur facendo riferimento ad un non chiaro discorso su passerelle politiche, ci ha risposto e ci ha detto che aveva scritto al Prefetto ricevendone rassicurazioni sulla presenza e l’incremento delle forze dell’ordine nella nostra città.
Ma se è così perché non dirlo? Perché non comunicarlo ai cittadini che hanno giustamente bisogno di rassicurazioni, purchè siano vere e non di circostanza?
Non è dato sapere. Ma in questo momento ciò che ci preme è andare oltre le polemiche e fare fronte comune perché sia evitato ciò che evidentemente nemmeno il sindaco conosceva il giorno del Consiglio: proprio in quei giorni veniva formalizzata la decisione di chiudere la Tenenza della Guardia di Finanza ad Amantea, un’operazione di riduzione della spesa pubblica che – a quanto pare- in Calabria colpisce solo la nostra città di Amantea e comporterebbe un risparmio esiguo, relativo ai soli costi di gestione della Tenenza, mentre i militari verrebbero trasferiti ad altre sedi.
Ma perché questa scelta? Perché proprio e solo ad Amantea, dove operano diverse organizzazioni criminali e dove anche tutti i diversi episodi criminali occorsi richiederebbero non una rinuncia ad un presidio di legalità, ma al contrario un innalzamento del livello di controllo e di sicurezza.

Ecco perché abbiamo scritto al Sindaco e all’ Agenzia nazionale dei beni confiscati, sede di Reggio, per verificare se uno degli immobili confiscati possa ospitare la Tenenza della Guardia di Finanza.

Abbiamo poi scritto anche a tutti i componenti del Consiglio comunale, perché di fronte a situazioni come queste, che comportano la diminuzione dei servizi e dei livelli di sicurezza, non ci sono parti politiche e distanze, ma occorre essere uniti, fare fronte comune e individuare insieme ogni soluzione possibile per un risultato che è utile alla città e che occorre reclamare con forza nelle sedi opportune, in Calabria e a Roma, anche attraverso delegazioni ufficiali del Consiglio Comunale di Amantea.
E anche mettendo mano a risorse di bilancio.
Dimostrando che nei momenti difficili e importanti Amantea sa essere unita e forte.

Accesso atti Agenzia Beni Confiscati

 

Posted in Blog | Tagged , , , , , , , , | 1 Comment

CONSIGLIO COMUNALE- Capitolo 1° I MUTUI E LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Saranno circa 30 anni che il metodo è sempre lo stesso: debiti su debiti, e da ultimo debiti per finanziare altri debiti. E’ un metodo vecchio peggiorato da questa Amministrazione che pur si presentava come nuova. Chiaro segnale che dietro il nuovo che avanza c’è il vecchio sempre lì,nella stessa stanza. Eravamo a 20 milioni di euro di debiti con una rata di 2 milioni di euro quando si è proceduto a due operazioni scellerate:

  • La rinegoziazione di 136 mutui con un aumento di circa 3 milioni di euro di interessi;

  • La richiesta a fine 2015 di altri 3 milioni di euro circa di nuovi mutui.

Senza contare l’anticipazione di cassa di circa 12 milioni di euro da restituire in 29 anni e mezzo.

Per fortuna la Cassa Depositi e Prestiti ha detto no!

Poteva essere l’occasione di una riflessione, e magari un confronto con le componenti consiliari o con i cittadini. Ma la trasparenza, la democrazia e la buona amministrazione non appartengono a questa giunta. La contraddistingue solo l’arroganza con la quale senza nemmeno indicare l’impegno di spesa ha deciso con delibera di Giunta n. 26 del 23 febbraio ( pubblicata solo l’8 aprile) di dare incarico a due legali romani di interpellare il Presidente Mattarella contro la Cassa Depositi e Prestiti.

Quanto durerà questa ennesima vertenza legale?

Quanto costerà alle casse del Comune?

E quali garanzie rispetto ad un esito che appare molto improbabile?

Sarebbe stato molto più saggio tentare una trattativa tra uffici, da affidare al servizio finanziario dell’ente che paghiamo per lavorare, ed attendere nel caso di esiti negativi il prossimo anno ormai vicino. E invece un costoso ricorso che non ha precedenti e che potrebbe essere inammissibile, e che intanto è costato già 650 euro di contributo unificato, senza considerare le spese dell’incarico legale non indicate.

Noi abbiamo sentito Cassa Depositi e Prestiti che ritiene di aver agito nel giusto, abbiamo formalizzato un accesso agli atti e attendiamo di analizzare i documenti che ci forniranno per fare la nostra proposta.

Continuando a ripetere che all’indebitamento occorre sostituire una politica di ricerca di fondi comunitari, diretti e indiretti. Con umiltà occorreva prendere atto che questa proposta più volte formulata insieme a quella della revisione drastica della spesa è l’unica strada da seguire per un ente che ha spese enormi, debito elevatissimo e entrate che in gran parte non recupererà più.

Ci domandiamo se con i soldi propri ogni singolo amministratore farebbe le stesse scelte, e cioè indebitarsi per altri trent’anni, lasciando i debiti ai figli, per poi chiedere altri debiti, ed infine chiamare in causa la banca che non glieli ha concessi…

Nel ricorso abbiamo letto che il “diniego della Cassa ha natura discriminatoria”!

Manca solo che si dica che anche la Cassa Depositi e Prestiti coltiva la cultura dell’odio…..

20160507_133830

Posted in Blog, commissioni, Consigli Comunali, riforme, Satira politica | Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

Buon primo maggio dal M5S

Questo video mette insieme due momenti diversi della storia del M5s Amantea: dalla campagna elettorale 2014 con l’invito a non credere alle promesse elettorali, al comizio di inizio 2016, dove una lavoratrice precaria illusa dalla politica esprime la sua coraggiosa denuncia gridando “VERGOGNA” a chi dovrebbe tutelare il lavoro ed invece ne fa un’arma di ricatto elettorale, tanto vergognoso quanto inaffidabile.
E svela una volta per tutte con grande verità il sistema di potere imperante, capace di preferire la salvaguardia di sè alla salvaguardia del lavoro e al rispetto dei diritti, delle persone e della legge.

Questo video è il nostro omaggio a chi il lavoro non ce l’ha per colpa di un sistema politico clientelare, corrotto ed incapace, che prolifera in Italia molto più che nel resto dell’ Europa, soprattutto quella Europa in cui la politica al di là della corruzione e della clientela ovunque possibile, punta però all’efficienza e alla meritocrazia.
Ed è una riflessione alla quale invitiamo noi stessi e tutti i cittadini, perché il momento del voto sia un atto di responsabilità in cui evitare di dar credito alle promesse e ai ricatti, e di accettare che il proprio voto diventi una merce di scambio.
Dobbiamo chiedere efficienza, capacità e onestà a chi ci amministra e solo in cambio di queste promesse, le uniche accettabili, dobbiamo impegnare un voto e chiedere il conto dopo che l’abbiamo dato.
Oggi i politici si occupano del lavoro con una lista di persone da sistemare, e non incentivando strategie occupazionali che garantiscano tutti, e che creino sviluppo e promozione occupazionale.
Né accettano il sistema “reddito di cittadinanza” che, presente in quasi tutta l’ Europa, libererebbe dalla schiavitù elettoralistica tanto cara ai partiti “padronali” e “feudali”.
Noi continueremo a promuoverlo e a promuovere diritti e libertà.

 
Buon primo maggio 2016 dal M5s Amantea.

Posted in Blog, Senza categoria | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

L’AMMINISTRAZIONE TEME IL CONSIGLIO COMUNALE E IL CONFRONTO. NOI CHIEDIAMO CHIAREZZA SUI CONTI

 

E’ da inizio consiliatura, ed anche prima, che rileviamo la grave situazione finanziaria dell’ente, mentre la giunta si sottrae alle proprie responsabilità e alla necessità di dar conto a noi e ai cittadini.

E’ così abbiamo ritenuto di condividere la necessità di chiedere chiarezza all’amministrazione, ad esito di un pubblico confronto con gli altri gruppi consiliari di minoranza sviluppatosi in due incontri tenutisi giovedì 6 aprile e giovedì 13 aprile nella sala consiliare del Comune.

Alla fine dell’ultimo incontro abbiamo formalizzato la richiesta di un consiglio comunale ad hoc che esamini nel suo complesso la situazione finanziaria dell’ente, partendo dai mutui negati dalla Cassa Depositi e Prestiti e percorrendo le innumerevoli posizioni debitorie dell’ Ente.

Sia la Legge che i regolamenti comunali obbligano l’amministrazione alla convocazione del Consiglio entro venti giorni quando lo richieda un quinto dei consiglieri che formano l’Assise.

In questo caso a inoltrare la richiesta siamo stati tutti i consiglieri di minoranza, quindi 6 membri sui 16 del Consiglio Comunale di Amantea.

La richiesta è stata resa nota anche al Prefetto di Cosenza che è tenuto ad intervenire nel caso di inadempienza dell’obbligo da parte del Comune.

L’altro ieri ci viene notificata la Convocazione del Consiglio Comunale (l’alleghiamo)per il prossimo 30 aprile alle 14:30, ben 13 punti tra cui l’esame del bilancio consuntivo dell’anno 2015.

Ci viene notificata anche una Commissione per giorno 28 quando gli atti devono essere già pronti e consegnati (la consegna deve avvenire giorno 26): praticamente quando non si potrà più discutere per modificarli …..anche qui nessuna utilità e nessun autentico confronto!! Così si spendono i soldi dei cittadini?!

Annunciamo sin d’ora che non andremo a quella commissione, che non ha alcun senso, evitando così spese inutili e qualsiasi presa in giro per noi e per i cittadini di Amantea.

I tre punti poi della nostra richiesta (che alleghiamo) sono stati riuniti in un unico punto denominato : “Istanza Capigruppo Minoranza Prot. 5664 del 13.04.2016. Discussione”.

Dunque i punti che dovranno essere discussi il prossimo 30 aprile saranno nientemeno 15.

Discussioni e temi fondamentali per la vita di un Comune, ancora una volta sono mortificati dalle scelte di calendario di questa “Amministrazione arrogante e ostile”, che ormai è chiaro percepisce come un fastidio il confronto democratico con le opposizioni in Consiglio Comunale.

CHISSA’ PERCHE’!!!!!

COME SEMPRE INVITIAMO LA CITTADINANZA A PARTECIPARE AL CONSIGLIO COMUNALE

SABATO PROSSIMO 30 APRILE ALLE 14:30

Convocazione Commissione

Convocazione consiglio 30 aprile

Richiesta convocazione consiglio comunale

Posted in Blog, commissioni, Consigli Comunali | Tagged , , , , , , , | 1 Comment

NOMINA SCRUTATORI: AVVISO AI CITTADINI

Ieri abbiamo chiesto alla maggioranza di condividere con noi per la nomina degli scrutatori il metodo del sorteggio pubblico, che si può scegliere all’unanimità in Commissione elettorale.
Abbiamo saputo che la maggioranza non ci sta e non accoglie il nostro metodo.
Noi andiamo avanti e mettiamo a disposizione di tutti in modo trasparente un modello di richiesta per partecipare al sorteggio pubblico che noi effettueremo in modo trasparente giovedì in Commissione, alle 14: 30.
Tutti coloro che sono iscritti all’Albo degli scrutatori e che si trovano nella condizione di disoccupati, inoccupati o studenti potranno partecipare compilando il modulo allegato e portandolo nelle giornate di mercoledì 23 marzo e giovedì 24 marzo fino al sorteggio al protocollo dell’Ente, o inviandolo alla mail amantea5stelle@gmail.com.
Il sorteggio sarà effettuato alle ore 14:30 nella sala consiliare del Comune.
La Commissione Elettorale, come tutte le commissioni consiliari, è pubblica e invitiamo tutti alla partecipazione.

MoVimento 5 Stelle Amantea

 

 

Posted in Blog | Tagged , , , , , , , , | 1 Comment

VOGLIAMO GLI SCRUTATORI TRA I DISOCCUPATI

Per giovedì prossimo 24 marzo alle ore 14:30 è stata convocata la Commissione elettorale di cui il M5s fa parte in rappresentanza della minoranza consiliare.

Saremo chiamati a nominare tre scrutatori per ognuna delle 14 sezioni elettorali del comune di Amantea. In tutto quindi 42 scrutatori.

Noi riteniamo che sia giusto cercare di effettuare la scelta tra chi è disoccupato, inoccupato o studente, purchè ovviamente iscritto all’albo degli scrutatori e dunque idoneo all’ufficio. Anche gli altri gruppi della minoranza, con i quali ci siamo democraticamente confrontati, condividono questi criteri.

Sembra a tutti ovvio che in tal modo si darà un seppur piccolo sollievo a chi è in difficoltà e ci sembrerà meno inaccettabile la spesa di 370 milioni di euro circa che si sarebbero risparmiati se ci fosse stato l’abbinamento del Referendum alle elezioni amministrative.

Cosa pensa di questo la maggioranza? Chiediamo dunque pubblicamente agli altri componenti della commissione, che sono la consigliera Arone, in sostituzione del consigliere Chilelli, il consigliere Salvatore e il sindaco di volere condividere con noi questo principio, e di volere effettuare il sorteggio pubblico giovedì prossimo solo tra chi nell’ambito dell’albo si trovi in condizione di disoccupazione o inoccupazione. In particolare chiediamo al sindaco di procurare tempestivamente tramite ufficio del lavoro una lista di disoccupazione, come avevamo richiesto anche nel 2014.

Proponiamo anche un metodo alternativo: quello della raccolta entro giovedì delle autocertificazioni relative allo stato di disoccupazione. E ricordiamo che ogni anno nel mese di novembre ci si può iscrivere all’ Albo degli scrutatori utilizzando il modulo che trovate al seguente link.

http://comuneamantea.gov.it/download/domanda-iscrizione-albo-scrutatore-di-seggio-elettorale/

Il comune di Amantea, fino al 2014, ha continuato ad utilizzare il sorteggio attraverso un metodo non integrale che abbiamo contestato in quanto tale sorteggio comportava la frequente ripetizione degli stessi scrutatori e non favoriva in nessun modo i disoccupati. All’ultima tornata elettorale, le Regionali del 2014, la giunta Sabatino ha proceduto alla nomina diretta, assegnando quote a ciascun consigliere. Noi proponemmo allora e proponiamo ancora di effettuare la nomina degli scrutatori, sorteggiandoli all’interno di una rosa di persone disoccupate o inoccupate. Tale metodo si può utilizzare solo se c’è unanimità in Commissione: capiremo entro la giornata di domani come si determineranno gli altri componenti della Commissione. E vi informeremo.

Oggi lo stato di bisogno economico è tale che sono davvero tante le persone per cui può essere utile il compenso degli scrutatori, e per noi è inaccettabile che sia il politicante di turno a decidere chi favorire. Questo sostenemmo alla scorsa tornata elettorale e questo continuiamo a sostenere, nella certezza che la trasparenza e l’imparzialità sono gli unici elementi che restituiscono dignità alla politica.

Una politica alla quale oggi non crede più nessuno.

Posted in Blog, Consigli Comunali | Tagged , , , , , , , , , , , , | 1 Comment

SPORTELLO ANTI-EQUITALIA AD AMANTEA

Sarà ad Amantea il punto regionale di “Soccorso Anti-Equitalia”, il prossimo sabato 19 marzo dalle ore 16:30 alle ore 19, in Via Vittorio Emanuele 63.

Il “Soccorso Anti-Equitalia” è presente in modo stabile a Lamezia ogni martedì e da qualche mese si sta spostando in varie città calabresi.

Sabato prossimo potranno usufruirne i cittadini di Amantea e di tutti i paesi vicini.

Allo sportello si darà ascolto e assistenza con professionisti volontari per diverse problematiche: cartelle esattoriali pazze, ingiuste, già pagate o errate rateizzazioni, sospensioni, piani per ridurre il sovraindebitamento, assistenza sociale e psicologica.

Chiunque può usufruire del servizio e non è richiesto alcun contributo.

Invitiamo i cittadini amanteani ad utilizzare questa possibilità. E’ per noi un modo concreto di star vicini ai cittadini che potranno anche prenotare la consulenza gratuita contattandoci all’indirizzo di posta elettronica amantea5stelle@gmail.com.

E’ dal maggio del 2015 che sono stati istituiti punti di “Soccorso Anti-Equitalia”, il primo in Sardegna, e poi in varie parti d’Italia, tra cui la Calabria a partire dal novembre scorso.

Con questi sportelli il M5s sta nella realtà in modo tangibile ed operativo verificando le grandi difficoltà che affrontano tanti cittadini che nella maggior parte dei casi non sono riusciti a pagare quanto dovuto, e che vengono ulteriormente vessati da uno Stato che è debole con i forti e forte con i deboli, come ormai appare chiaro a tutti. Uno Stato che da un lato non paga i propri debiti nei confronti dei cittadini, oppure si preoccupa di salvare le banche a discapito dei risparmi, e dall’altro manda i suoi “esattori” a colpire i contribuenti in difficoltà, provocando a volte situazioni di profonda disperazione.

Non abbiate esitazioni, vi aspettiamo sabato prossimo: Il M5s è al servizio dei cittadini. 

Locandina Antiequitalia

Posted in Senza categoria | Tagged , , , , , | Leave a comment

EDIZIONE STRAORDINARIA: CONVOCATO CONSIGLIO COMUNALE

Per sabato 27 febbraio alle ore 14: 30 era convocato un Consiglio Comunale in sessione straordinaria urgente.

Senza che in realtà sembrasse esserci nulla di urgente o straordinario.
Forse l’unica cosa straordinaria è che sia stato convocato un consiglio comunale, dopo
tre mesi, tre lunghi mesi di assoluto silenzio del Consiglio.
E dopo che ancora una volta la presidente Morelli disattende l’impegno preso il 12 agosto 2015
(più di sei mesi fa) di calendarizzare la mozione del M5s per modificare il regolamento e consentire
le riprese video del Consiglio.
Tutto normale in un Consiglio anormale, dove la scelta che ci è parsa più giusta
è stata quella di lasciare l’aula,dopo aver motivato leggendo il testo che alleghiamo.
Così in assoluta solitudine la maggioranza ha approvato le proprie urgenze, che riguardavano le
aree libere demaniali comprese tra la linea di battigia e la ferrovia, e la trasformazione
del diritto di superficie in diritto di proprietà piena.
Ci hanno detto che quando siamo usciti il vicesindaco ha messo in evidenza tutti i pregi di questa
amministrazione, peccato non averlo ascoltato!
E peccato che non possiamo rivederlo nelle riprese video ancora illegali ad Amantea!
Qui di seguito il documento in allegato che abbiamo letto prima di lasciare l’aula.

Posted in Blog, Consigli Comunali | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment